Stagione 2016/2017

La bohème

scene liriche in quattro quadri su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, dal romanzo Scènes de la vie de Bohème di Henri Murger
musica di GIACOMO PUCCINI
Edizioni Ricordi, Milano

Mimì | Benedetta Torre
Musetta | Damiana Mizzi
Rodolfo | Alessandro Scotto di Luzio
Marcello | Italo Proferisce
Shaunard | Daniel Giulianini
Colline | Luca Dall'Amico
Parpignol, Benoit | Giorgio Trucco
Alcindoro | Graziano Dallavalle
Sergente dei Doganieri | Antonio Della Santa

direttore Nicola Paszkowski
regia Marco Gandini
scene Italo Grassi
costumi Anna Biagiotti
luci Marco Minghetti

Orchestra e Coro della Toscana
Maestro del Coro Maurizio Preziosi

Coro Voci Bianche Teatro del Giglio e Cappella Santa Cecilia di Lucca
diretto da Sara Matteucci

allestimento Teatro del Giglio di Lucca

venerdì 25 novembre 2016 ore 20.30
domenica 27 novembre 2016 ore 16

INCONTRO CON IL PUBBLICO
La compagnia dell'opera «La bohème» incontra il pubblico sabato 19 novembre alle ore 19.00 nel ridotto del Teatro del Giglio (ingresso libero e gratuito, fino ad esaurimento posti).

La Stagione Lirica del Teatro del Giglio si apre nel segno di Giacomo Puccini con La bohème (25 e 27 novembre) per la regia di Marco Gandini, le scene di Italo Grassi, i costumi di Anna Biagiotti e le luci di Marco Minghetti; l’opera inaugura anche il festival Lucca Puccini Days, che fino all’8 gennaio 2017 proporrà una serie di eventi dedicati al Maestro.

Protagonista dell’opera pucciniana un cast di giovani e talentuosi artisti: Benedetta Torre (Mimì), Alessandro Scotto di Luzio (Rodolfo), Italo Proferisce (Marcello), Damiana Mizzi (Musetta), Daniel Giulianini (Schaunard), Luca Dall’Amico (Colline), Giorgio Trucco (Benoit, Parpignol), Graziano Dellavalle (Alcindoro) e Antonio Della Santa (Sergente dei Doganieri).

La direzione musicale dell'opera è affidata a Nicola Paszkowski sul podio dell’Orchestra della Toscana; il Coro della Toscana è diretto da Maurizio Preziosi, mentre Sara Matteucci guida il Coro delle Voci Bianche Teatro del Giglio e Cappella Santa Cecilia di Lucca.

Marco Gandini, regista dell'opera, afferma che «Per la rappresentazione di Bohème a Lucca, tanto importante per il luogo che ha visto Puccini stesso prendersi personalmente e assiduamente cura dell'allestimento delle sue opere, sono stati tenuti in oggetto l'analisi dettagliata delle dinamiche drammaturgiche e musicali del testo e una collocazione temporale della vicenda nell'epoca della composizione, avvicinando quindi lo status di giovani artisti a quello dell'artista Puccini a Milano».

Il progetto di Italo Grassi per questo allestimento di Bohème, spettacolo interamente costruito nei Laboratori del Teatro del Giglio, è nato dall’esigenza di rispettare e tradurre in maniera assolutamente fedele la drammaturgia con cui Giacomo Puccini ha voluto informare l’opera: se il primo e il secondo atto racchiudono le gioie, gli incanti e la spregiudicatezza della gioventù incosciente ed inconsapevole, il terzo e quarto atto segnano di contro un improvviso e doloroso cambio di passo: la schiacciante consapevolezza della caducità della vita sopraggiunge improvvisa ed inaspettata a scardinare alla base ogni possibilità di gioia futura. La soffitta dei ragazzi diviene spazio metafisico e racconta l’impossibilità di ogni azione artistica e creativa, e la spensieratezza muta di segno per diventare dolore, sofferenza, ineluttabile percorso verso la morte.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla Biglietteria: tel. 0583.465320 - email [email protected]

Azienda Teatro del Giglio - A.T.G.
Piazza del Giglio, 13/15
55100 - Lucca (LU)
Tel:(+39) 0583.46531
TEATRO DEL GIGLIO
www.teatrodelgiglio.it
Sito ufficiale del Teatro del Giglio ATG
© Teatro del Giglio salvo ove diversamente indicato