LiricaStagione 2015/2016

Mefistofele

opera in un prologo, quattro atti e un epilogo su libretto di Arrigo Boito, da Goethe

musica di ARRIGO BOITO

Editore Casa Ricordi, Milano

Prima rappresentazione: Milano, Teatro alla Scala, 5 marzo 1868 (seconda versione: Bologna, Teatro Comunale, 4 ottobre 1875)

MEFISTOFELE Giacomo Prestia (9 apr.), Ruben Amoretti (10 apr.)
FAUST Roy Cornelius Smith (9 apr.), Gabriele Mangione (10 apr.)
MARGHERITA Paoletta Marrocu (9 apr.), Elisabetta Farris (10 apr.)
ELENA Elisabetta Farris (9 apr.), Alice Molinari (10 apr.)
MARTA Sandra Buongrazio
NEREO Sergio Dos Santos
PANTALIS Moonjin Kim
WAGNER Sergio Dos Santos

direttore Francesco Pasqualetti
regia Enrico Stinchelli
scene Biagio Fersini su ideazione di Enrico Stinchelli
videomaker Mad About Video (MAV) di Malta
disegno luci Michele Della Mea
regista assistente Lorenzo Maria Mucci
assistente alla regia e lilith Rosangela Giurgola

Orchestra della Toscana

CLT Coro Lirico Toscano
Maestro del Coro Marco Bargagna

con la partecipazione di
Laboratorio Lirico San Nicola (Maestro del Coro Stefano Barandoni)
Pueri Cantori di San Nicola e Santa Lucia (Maestro del Coro Emma Zanesi)

nuova produzione Teatro Verdi di Pisa
coproduzione Teatro Verdi di Pisa, Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Sociale di Rovigo


sabato 9 aprile 2016 ore 20.30
domenica 10 aprile 2016 ore 16.00

Ultimo titolo della Stagione Lirica 2015-2016 del Teatro del Giglio, giunge a Lucca Mefistofele di Arrigo Boito, opera titanica, che assai raramente viene messa in scena nei grandi Teatri, e ancor più raramente nei Teatri di Tradizione. Sul palcoscenico lucchese l’opera fu rappresentata l’ultima volta nel lontano 1936, e prima di allora solo altre tre volte, nel 1888, nel 1903 e nel 1928. 

Una gestazione complessa quella del Mefistofele, opera ispirata al Faust di Goethe. Una prima versione andò in scena il 5 marzo 1868 alla Scala di Milano, preceduta da un grosso battage pubblicitario, preannunciata come manifesto della musica “dell’Avvenire” di wagneriana ispirazione e circondata da un clima di grandissima attesa da parte sia del pubblico che degli ambienti musicali e letterari, ma fu un fiasco clamoroso per l’eccessiva lunghezza, per l’innesto di un dialogo in prosa, per alcune ricercatezze giudicate eccessive. Boito ritirò la monumentale partitura e la riscrisse radicalmente, operando diversi tagli e rifacimenti e imprimendole un’impronta lirico-sentimentale più in sintonia con i gusti correnti, ricca di momenti di grande intensità che ben tratteggiano la psicologia di Mefistofele, Faust e Margherita. La nuova versione vide la luce a Bologna, il 4 ottobre 1875, città ben più progressista e wagneriana, ed ebbe un successo tale da portarla rapidamente ad affermarsi e a entrare stabilmente nel repertorio dei maggiori teatri italiani e stranieri. 

leggi l'ARGOMENTO o il LIBRETTO dell'opera

Per informazioni e prenotazioni
Biglietteria del Teatro del Giglio
Tel. 0583 465320
Email: [email protected]

Azienda Teatro del Giglio - A.T.G.
Piazza del Giglio, 13/15
55100 - Lucca (LU)
Tel:(+39) 0583.46531
TEATRO DEL GIGLIO
www.teatrodelgiglio.it
Sito ufficiale del Teatro del Giglio ATG
© Teatro del Giglio salvo ove diversamente indicato